Ìsula Licca

Ìsula Licca

Un giorno, nella cucina di chef Andrea Alì, patron dell’omonimo ristorante Andrea “Sapori Montani”, abbiamo conosciuto Vittorio Manunza: ingegnere per titolo ma cuoco per professione. Sardo, soprattutto, e infatti Cagliari è diventato subito il suo soprannome, una velata citazione a “La Casa di Carta”. E, ammettiamolo, quando ci sarebbe ricapitato di avere un cuoco sardo in giro per la cucina di chef Andrea? Ecco, Ìsula Licca nasce esattamente così: una chiacchierata intorno a un tavolo, a fine servizio, trascorsa a raccontarci differenze e similitudini di queste due isole, così grandi per limitarle all’immagine di terre lambite dal mare. Al di là dei luoghi comuni balneari, infatti, bisogna spingersi nel loro interno per ritrovare l’anima ancestrale che le rende così uniche. E nelle tradizioni culinarie delle zone interne, abbiamo ricercato l’originalità e l’unicità del loro racconto, dipanato in sette portate che diffondevano per la cucina di chef Andrea Alì, l’odore delle spezie siciliane accanto al profumo di mirto, la prima nota olfattiva che, insieme a quella di elicriso, si avverte nell’aria appena arrivati a Cagliari. Un viaggio sensoriale, dal quale abbiamo fatto veramente fatica a fare ritorno. 

L’evento, proposto e curato dal MIB,  è stato realizzato in collaborazione con: Ristorante Andrea “Sapori Montani”, Accademia Casa Puddu, Sa Scolla Cagliari, Cantina Su’entu e Feudo Ramaddini.

Menù di Viaggio

ENTRÉE:

Panadina di agnello con patate (Sardegna)
Sciolla di tumminia con broccoli, capocollo di suino nero e noci fresche (Sicilia)

PRIMI:


Fregula alla campidanese (Sardegna)
Cappelletti di vitello in brodo e croccante di formaggio (Sicilia)

SECONDO:


Lingotto di pancia di maiale al mirto, salsa di Cannonau e verdure amare saltate (Sardegna)

DESSERT:


Le vie della seta (Sicilia)
Torta di sapa e mandorle (Sardegna)

You don't have permission to register